2.a.5 – A cosa serve la maggiore complessità delle specie?

Letto 1886 volte.
7 Aprile 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

pavone

         

A cosa serve la maggiore complessità delle specie?

Pur accettando che il fine dell’evoluzione biologica è quello della sopravvivenza dei geni e che la diffusione di questi in molteplici specie diverse rappresenta una strategia per il raggiungimento del suddetto fine, ci si può chiedere perché tale evoluzione abbia portato a forme di vita non solo diverse, ma sempre più complesse. La risposta si può trovare tornando alla metafora del campionato a squadre: quando le squadre sono equilibrate, ma sempre in competizione, cercheranno di mettere a punto delle nuove strategie per battere la concorrenza. Prima o poi una squadra svilupperà una nuova tecnica di gioco, più corale, più veloce, più estrosa, comunque spesso più complessa; se tale tecnica avrà successo, presto si diffonderà nelle altre squadre fino a riportare una situazione di equilibrio e allora si renderà necessario sviluppare un’ulteriore e più complessa tecnica che indurrà i competitori a fare altrettanto e così via. Le squadre che non riescono a recuperare lo svantaggio sono destinate ad estinguersi o a sopravvivere in un altro campionato a giocare con i pari livello, ma comunque in un sistema interdipendente fra tutti i livelli. E’ dunque la concorrenza che muove il meccanismo dell’evoluzione dai batteri all’uomo, portando all’attuale sinergia fra tutte le specie viventi.

Sulla cresta dell'onda

APPROFONDIMENTI
    METAFORA

PALCO D’ONORE
    JOSEPH SCHUMPETER   stellastella

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE       

 

                               

ccl

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.8/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
2.a.5 - A cosa serve la maggiore complessità delle specie?, 7.8 out of 10 based on 5 ratings

5 Commenti per “2.a.5 – A cosa serve la maggiore complessità delle specie?”

  1. Angelica dal Vessillo Dorato ha detto:

    Il problema è che l’uomo, invece di avere la consapevolezza di essere una componente della natura (e neanche indispensabile) ha la presunzione di considerarsi l’essere supremo creato a immagine e somiglianza di Dio. In questo modo saremo condannati a giocare un campionato sempre più stressante in cui alla fine nessuna squadra umana riuscirà a vincere niente.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Gilberto il Valligiano ha detto:

      Sembra una contraddizione, ma per ambire a qualcosa di importante bisogna avere l’umiltà di riconoscere i propri limiti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
    • Deepsky88 ha detto:

      se ci pensi bene anche tu hai la presunzione,opposta,ma sempre presunzione è:la logica del terzo escluso funziona solo in matematica e logica,lasciamola fuori dalla vita,perchè dobbiamo sempre giudicare tutto?non dobbiamo escludere niente per non essere presuntuosi

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Lucrezia dal Drago Alato ha detto:

    Io credo di aver capito che il meccanismo naturale che porta a specie sempre più complesse, ma in milioni di anni, si stia replicando nella nosta società portando a culture sempre più complesse in pochissimi anni e questi ritmi non riusciamo a reggerli.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Morias Enkomion ha detto:

    L’uomo non conosce ancora se’ stesso, questo e’ il limite maggiore.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License