2.a.11 – Quali sono le vie lungo le quali si sviluppa l’evoluzione culturale?

Letto 1591 volte.
13 Aprile 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

pompieri

         

Quali sono le vie lungo le quali si sviluppa l’evoluzione culturale?

Possiamo dire che abbiamo individuato quattro vie principali sulle quali si sviluppa l’evoluzione culturale:
• La via della tradizione familiare, che porta la cultura ad integrarsi perfettamente con il patrimonio genetico e a tutelare con esso la sopravvivenza della discendenza;
• La via della diffusione sociale tendenzialmente epidemica, che porta le componenti culturali a vivere di vita propria come virus culturali;
• La via della diffusione tribale o di subordinazione alla comunità, che porta gli individui a dedicare la vita al gruppo sociale;
• La via dell’uso consapevole o della selezione artificiale della cultura, che può sfruttare la cultura per qualunque fine, compreso il benessere individuale (oppure il male altrui…).
La conoscenza di questi quattro binari fondamentali su cui corre l’evoluzione ci può aiutare a capire in quale squadra giocano le nostre abitudini, le nostre credenze e i nostri ideali e quindi ad operare a nostra volta una selezione con cognizione di causa per curare anche i nostri interessi personali.

Sulla cresta dell'onda

PALCO D’ONORE
 nl   ARNOLD VAN GENNEP

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE       

                               

ccl

4 Commenti per “2.a.11 – Quali sono le vie lungo le quali si sviluppa l’evoluzione culturale?”

  1. Gerulfo delle Milizie ha detto:

    Mi sembra di capire che il quarto binario, quello dell’uso consapevole della cultura, sia quello da seguire se vogliamo gestire noi il nostro futuro, piuttosto che rimanere in balia di eventi casuali o comunque voluti da altri. Il problema è che per tenere il timone di un transatlantico grande come una nazione ci vorrebbe un grande ammiraglio, ma mi sembra che la ciurma non sia ancora in grado di sceglierselo da sola.

  2. Lucrezia dal Drago Alato ha detto:

    Se esiste una diffusione culturale “epidemica” che si sviluppa e si alimenta anche a scapito dell’uomo, bisogna sviluppare adeguati “anticorpi” culturali che la debellino, giusto?

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License