5.a.18 – Come iniziare la sperimentazione?

Letto 1567 volte.
29 Settembre 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

Come iniziare la sperimentazione?

Il concetto di villaggio moderno deve essere sperimentato nella realtà; per farlo non c’è bisogno di cavie, ma di persone che intendono risolvere uno o più problemi in comune. Si deve partire da un piccolo gruppo di amici collaudati, che magari svolgono già delle attività in comune e che, facendo interagire i rispettivi amici (in partenza fra loro sconosciuti) arrivino a costituire un supergruppo di un centinaio di persone.
La sperimentazione deve inoltre avere un approccio giocoso: nessuno di noi ha bisogno di nuovi impegni o di cimentarsi in cose faticose, ma abbiamo tutti bisogno di rilassarci e divertirci un po’; ben venga allora la costituzione di un gruppo di amici con interessi in comune che si diverta nello svolgere insieme una data attività. Per divertirsi insieme non c’è bisogno di costituire un’associazione ufficiale con statuto e codice fiscale, non servono né regolamenti particolari, né organi ufficiali (con tutta questa burocrazia il divertimento finirebbe prima ancora di iniziare), ma una volta consolidatosi il gruppo svolgerà naturalmente altre funzioni e si organizzerà sia verso l’interno, sia verso l’esterno.
La sperimentazione deve inoltre avvantaggiarsi degli strumenti di cui oggi si dispone: computer sofisticati e connessioni mobili veloci, chat e forum, motori di ricerca e social network; se dobbiamo incontrarci per una pizza, perché non farlo con un giro di e-mail ravvivate da simpatiche emoticon? Se dobbiamo collaborare allo sviluppo di un progetto, perché non impostare un apposito wiki? Divertirsi a raggiungere risultati concreti è forse una perdita di tempo? Una buona partenza per il nostro villaggio può dunque sicuramente avvenire con l’aiuto di strumenti informatici che accelerino il conseguimento dei primi obiettivi e quindi delle prime gratificazioni; tali strumenti permettono inoltre il confronto fra le idee, le attività e i risultati di più gruppi estranei che abbiano iniziato separatamente, o meglio parallelamente, la sperimentazione del proprio villaggio.
L’unione dell’aspetto ludico a quello informatico porta all’idea di sperimentare il villaggio con un social network inserito in un gioco di ruolo on line. Con esso ci si potrà divertire a confrontare le proprie idee per un villaggio moderno, a vederle selezionate e valorizzate fino alla loro realizzazione, si potranno conoscere persone affini con cui condividere progetti, si potrà competere alla pari, rispettare le migliori idee degli altri e sfidare gli stessi in una nuova partita. Si tratterà di un gioco in cui chi partecipa risulterà comunque vincitore perché il vero fine è quello di migliorare la qualità della vita dei giocatori.
Durante la sperimentazione si dovranno poi innestare nuovi metodi di scambio e controllo delle informazioni, nuove attività di formazione reciproca, nuove forme di solidarietà, insomma si potrà innescare un processo di riconversione culturale che porti ad affrontare concretamente anche gli altri problemi radice, quali la disinformazione e la gestione culturale.

Sulla cresta dell'onda

APPROFONDIMENTI
   EMOTICONMOTORE DI RICERCASOCIAL NETWORK

PALCO D’ONORE
  
MASSIMO MARCHIORI  stella4stella4stella4

CONCETTI IN PILLOLE                                                                            
pillola
   n. 47 – CHE COSA POSSIAMO FARE?

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE

 

<  precedente                                        successivo >

ccl

 

2 Commenti per “5.a.18 – Come iniziare la sperimentazione?”

  1. Petronilla la Sottile ha detto:

    Bella l’idea dell’associazione destrutturata e soprattutto quella dell’approccio ludico. Che ci sia qualche connessione con il gioco dei Cavalieri di Ofelon che avete annunciato? 😉

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License