5.b.10 – E’ difficile realizzare un reciproco arricchimento culturale?

Letto 1680 volte.
10 Ottobre 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

È difficile realizzare un reciproco arricchimento culturale?

In una comunità ciascuno può mettere a disposizione la propria cultura e la propria capacità di gestione della stessa, partecipando a un processo di arricchimento culturale reciproco. Anche all’interno di un gruppo specializzato si può realizzare lo stesso processo mettendo in comune le rispettive esperienze; condividere la cultura è in genere un comportamento molto vantaggioso perché donando un oggetto ci si priva dello stesso, mentre donando conoscenza o solo una buona idea non si perde nulla. Se infatti due amici con dieci euro a testa si scambiano le rispettive banconote, alla fine rimarranno ognuno con dieci euro; se invece hanno una buona idea a testa, dopo lo scambio avranno entrambi due idee. Ripetendo il gioco con quattro amici, dopo lo scambio avranno quattro idee a testa, il patrimonio culturale cresce in proporzione al numero, quello monetario rimane sempre inalterato. Scambiare conoscenza dunque è come acquistare senza pagare nulla, è uno scambio sempre e solo vantaggioso.
In un villaggio dotato di un buon sistema di comunicazione interna, il singolo dispone di un valido strumento per trovare le risposte di cui ha bisogno se queste appartengono al patrimonio culturale collettivo; inoltre egli è anche in grado di valutarne la validità grazie alla conoscenza diretta che ha delle sue fonti. Un tale sistema è oggi assai facile da realizzare con una rete informatica e sono già disponibili vari programmi con cui realizzare una struttura concentrica come quella da noi ideata, la quale si può estendere facilmente ad associazioni anche molto più grandi di un singolo villaggio, riuscendo così a rendere disponibile un insieme di conoscenze sempre più vasto.
Aggregare diversi villaggi in formazioni sempre più numerose presenta dei vantaggi anche dal punto di vista della produzione di nuove idee, se infatti solo un membro su cento producesse una buona idea all’anno, in una federazione di dieci villaggi tutti avrebbero a disposizione dieci nuove idee ogni anno, purché vi sia un buon sistema di gestione che le raccolga, le valuti e le diffonda. Oggi sappiamo che un simile sistema è piuttosto facile da realizzare.

Sulla cresta dell'onda

PALCO D’ONORE
fr1  
MARCEL MAUSS

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE

 

 

< precedente                               successivo >

ccl

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.3/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
5.b.10 - E' difficile realizzare un reciproco arricchimento culturale?, 9.3 out of 10 based on 3 ratings

Un Commento per “5.b.10 – E’ difficile realizzare un reciproco arricchimento culturale?”

  1. Leonardo il Grosso ha detto:

    E’ vero: le idee le puoi regalare a chi vuoi senza mai privartene e tenendo questo comportamento in maniera reciproca l’arricchimento incrociato non ha limiti.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License