5.c.12 – Come organizzare il secondo anello?

Letto 1298 volte.
4 Novembre 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

Come organizzare il secondo anello?

12-secondo-anello-ridLa natura ci insegna che quando si trova una formula che funziona bisogna replicarla per sfruttarla il più possibile, si pensi alla riproduzione sessuata, alla masticazione dei cibi o alla vista stereoscopica. Nel nostro piccolo dobbiamo allora umilmente trarre il giusto insegnamento e proseguire sulla nostra strada.
Abbiamo già applicato alcune fondamentali strategie evolutive: le cellule del primo anello crescono infatti fino a nove membri per poi dividersi in due cellule uguali formate da cinque persone (riproduzione per scissione); i membri della cellula attribuiscono a uno di essi il compito di rappresentarli (specializzazione) e tali rappresentanti, che possiamo definire fiduciari, dovranno a loro volta unirsi per formare un nuovo organo (collaborazione). Questi nuovi gruppi saranno formati da persone più motivate rispetto ai precedenti e la loro partecipazione sarà più attiva, analogamente a quanto avviene nei gruppi di lavoro del villaggio moderno e come questi dovranno svolgere un ruolo assimilabile agli antichi clan familiari.
Per questo motivo chiameremo Clan l’insieme dei Gruppi riuniti nel secondo anello per mezzo dei loro rappresentanti il cui gruppo prenderà il nome del Clan che rappresenta. Possiamo subito notare che ora la loro somiglianza con i clan del passato è ancora più marcata, in quanto i primi sono formati da più Gruppi così come i secondi lo erano da vari nuclei familiari. In precedenza i gruppi di lavoro erano stati limitati a dieci unità per esigenze pratiche di gestione delle riunioni, ma questo problema un tempo non esisteva, poiché i clan familiari non erano istituzioni democratiche e al massimo si potevano riunire i capi famiglia cosi come nel Clan si riuniscono i rappresentanti. Vi è dunque una somiglianza quasi perfetta fra i Clan e gli antichi casati, ricordando che questi ultimi rimangono la più naturale forma di associazione umana insieme alla famiglia ed al villaggio tribale; questo è proprio quanto volevamo: una struttura democratica e rispettosa della natura umana.
Al fine di mantenere al massimo la suddetta somiglianza, un futuro rappresentante dell’intero Clan deve essere molto vicino ai suoi deleganti del primo anello, è necessario dunque che egli rappresenti un insieme poco numeroso, dalle 15 alle 30 persone circa. Per rispettare i limiti che ci siamo appena posti, nel secondo anello si dovranno formare dei Clan che andranno dalle tre alle cinque persone.
Si noti che in questo modo tutti gli appartenenti ai Gruppi frequentano abitualmente anche il loro rappresentante indiretto e spesso saranno addirittura parenti dello stesso. Ciò significa che con la nuova struttura democratica circa il 95% della popolazione può delegare la gestione pubblica a un parente o a un amico e può farlo con la massima naturalezza, non servono infatti né assemblee, né votazioni, né verbali, né altre particolari formalità; il delegato non deve avere né una particolare età, né un particolare titolo di studio, né un particolare curriculum professionale, insomma il 95% della popolazione potrà nominare il rappresentante che preferisce secondo i propri criteri personali e potrà esimersi dal preoccuparsi della gestione pubblica senza però rinunciare a tutelare i propri interessi poiché avrà comunque delegato una persona vicina.
In un simile sistema non è necessario stabilire un tempo minimo di durata della carica di fiduciario o di delegato, né tantomeno un tempo massimo; non serve neppure stabilire un dato numero di riunioni perché si tratta di un insieme di persone che si frequentano abitualmente e che quindi si trovano in una sorta di riunione permanente in cui il delegato avrà sempre “il polso” del proprio gruppo.

Sulla cresta dell'onda

PALCO D’ONORE
us3
TALCOTT PARSONS stella4

lampadina COME REGISTRARSI?

iperindice IPERINDICE

<  precedente successivo >

 

ccl

6 Commenti per “5.c.12 – Come organizzare il secondo anello?”

  1. Gilberto il Valligiano ha detto:

    In un colpo solo siamo passati dall’80% al 95% di persone che possono disinteressarsi della politica… un altro piccolo sforzo e ci avviciniamo al numero reale di coloro che hanno le capacità, la cultura, l’esperienza e la volontà di occuparsene.

  2. Morias Enkomion ha detto:

    Infatti il rischio e’ sempre lo stesso: meno il popolo si occupa dei suoi affari, piu’ e’ probabile che si formino delle caste che, in nome del popolo all’inizio, poi sempre piu’ in nome proprio, gestiscono in modo da evitare che il popolo ignorante faccia solo danno.

    In effetti non abbiamo ancora discusso un argomento fondamentale: in cosa consiste il bene del popolo? Personalmente dare a tutti la capacita’ e l’opportunita’ di scegliere, cosa finora negata al 99,999% della popolazione.

  3. Conte Templare ha detto:

    Io posso eleggere chiunque al primo anello e sostituirlo continuamente, ma questo al secondo anello potrebbe non contare perchè rimane isolato e sarebbe un voto su 5 nell’elezione dell’anello successivo, quindi che caspita di controllo potrei fare dal punto di vista elettivo? Dovrei andarmi a cercare un gruppo chissà dove ed il rappresentente di questo gruppo dovrebbe andare a cercare un villaggio chissà dove e così via…… Ed in questo processo quanti facenti parte della mia minoranza si accontenterebbero di un rappresentante che non li rappresenta completamente? Quanti sarebbero corrotti dalle promesse, prima di accorgersi che i loro rappresentanti all’anello successivo (per non parlare di due anelli più su e così via) hanno eletto qualcuno che non vogliono?

    • Il Cavaliere Errante ha detto:

      Benvenuto Cavaliere! La questione da te sollevata ritengo sia molto importante. Se ho ben capito il tuo pensiero, la domanda che ci dobbiamo porre è: che fare quando ci si ritrova sistematicamente in minoranza? Questo vale sia per noi stessi che per i nostri rappresentanti in qualunque anello ci si trovi. Sono d’accordo che il sistema ad anelli consente di cercarsi un altro gruppo nel quale inserirsi però questa potrebbe essere una operazione non sempre facile, specialmente se si è una piccolissima minoranza. Tuttavia oggi tutti possono constatare che su facebook si formano i gruppi più stravaganti a cui partecipano persone di ogni regione. Ritengo quindi che l’uso delle reti sociali consente di ridurre di molto il problema di trovare altri della propria ristretta minoranza. Inoltre si tratta in ogni caso di una possibilità in più rispetto al presente, qualcosa che ora non abbiamo. Ottima direi l’osservazione che la gente tenderà ad accontentarsi e disinteressarsi, infatti è quello che fanno da sempre! Ma il sistema ad anelli parte proprio con l’intento di ridurre e gestire in modo naturale tale fenomeno. Per accorgersi che qualcuno dell’anello successivo ha tradito le aspettative ci vorrebbero pochi giorni dal momento del tradimento stesso poiché si tratta di seguire l’operato di una persona che conosciamo personalmente e qualcuno del gruppo è facile che se ne accorga e lo comunichi agli altri. A questo punto si può agire immediatamente (e non dopo 5 anni!) proponendo la sostituzione immediata. Nel caso si trattasse di un rappresentante degli anelli successivi la situazione è diversa ma non di molto, nella peggiore delle ipotesi si tratta di seguire l’operato di una decina di persone al massimo e non dovremmo farlo da soli ma con tutti quelli che essi rappresentano. Poi con il referendum destitutivo si propone la sua sostituzione o quella dei suoi elettori diretti. Certo il sistema non è perfetto, come ogni cosa ancora da sperimentare ma tutto sommato mi pare offra molte possibilità che oggi non abbiamo.

    • Nazarina da Fiastrone ha detto:

      Ciao Conte, bello il nickeval e ancor più bello l’avatar 🙂
      Voglio consigliarti di dare un’occhiata al paragrafo del villaggio moderno in cui si spiegano i meccanismi che, una volta collaudati insieme al sistema corallo, dovrebbero rendere fattibile la struttura democratica.
      Spero che i nuovi elementi possano rispondere ai tuoi dubbi, in caso contrario siamo sempre qui per crescere insieme nell’affinare un sistema alternativo a quello attuale che, quello si, è intrinsecamente corrotto.

  4. Conte Templare ha detto:

    Ringazio voi Cavaliere Errante e voi madama Nazarina per l’accoglienza ricevuta! I miei omaggi a entrabe! Ringrazio ancora chiunque altro risponderà ai miei quesiti!
    Sinceramente il sistema ad anelli non mi convince in molte cose e più in là commenterò altri punti su cui non mi sono soffermato….. Ma è sempre utile lo scambio di idee! 😉

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License