Capitolo 3.a

Letto 1829 volte.
31 Maggio 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

IL VALORE DELLA VITA

Sappiamo bene che la nostra mente, per farci orientare nella vita, non ha bisogno solo di conoscere la natura che ci circonda fatta di alberi, animali e rocce, ma deve anche avere cognizione della società a cui apparteniamo fatta di uomini. L’uomo è un animale sociale e la sua comunità costituisce l’ambiente dove vive; le leggi che governano tale ambiente devono allora essere ben conosciute per poter vivere in esso; oltre agli eventi naturali come la pioggia, la neve, le stagioni, ecc., bisogna dunque saper capire e prevedere gli eventi sociali, cioè i comportamenti degli altri esseri umani, per poter stabilire il proprio. Alla fine la logica è la stessa di sempre: si cerca il comportamento corretto per la sopravvivenza; nel tempo il nostro cervello sviluppa naturalmente dei criteri per stabilire quale comportamento sia giusto oppure sbagliato, ma indubbiamente tali criteri vengono appresi anche culturalmente.
Nella nostra mappa mentale i punti di riferimento fondamentali per scegliere il comportamento corretto sono detti valori; essi ci appaiono come qualcosa di prezioso da conservare, proteggere e tramandare, al punto che per tutelarli regoliamo in modo opportuno il nostro agire quotidiano. I valori sono una cosa molto personale, anzi intima, che tuttavia va condivisa con amici e conoscenti; un libro non è certo il mezzo più adatto per confrontare i propri valori con quelli degli altri e lo scopo principale della seguente trattazione non è infatti quello di proporre nuovi valori o dare esempi da imitare, ma quello di porre le basi per introdurre gli argomenti successivi e renderli più facilmente comprensibili. È nostra ferma convinzione che ognuno di noi debba autonomamente gestire i propri valori, criticandoli e migliorandoli se necessario, facendo le sue personali considerazioni esattamente come noi ora faremo le nostre.

Sulla cresta dell'onda

CONCETTI IN MUSICA
   RENATO ZERO – I MIGLIORI ANNI DELLA NOSTRA VITA

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE                                                           slide_16

CONCETTI IN  PILLOLE                                                                              
 pillola1 
n. 16 – I VALORI UMANI

 

< precedente                         successivo >

ccl

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Capitolo 3.a, 9.7 out of 10 based on 3 ratings

6 Commenti per “Capitolo 3.a”

  1. Gilberto il Valligiano ha detto:

    In effetti tutti si lamentano che non ci sono più i valori, ma nessuno sa il perché. Tutti avvertono un degrado dei costumi e della società, ma non ci rendiamo conto che dipende da noi e forse non ci rendiamo conto perché siamo troppo impegnati a lamentarci…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
  2. Petronilla la Sottile ha detto:

    Sono d’accordo che i valori vanno discussi e approfonditi, ma soprattutto vanno praticati quotidianamente da tutti i membri di una comunità che in questo modo li alimenterà e tramanderà.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 4.0/5 (1 vote cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)
    • Carlotta da Camerino ha detto:

      Però anche la comunità è un valore che si sta perdendo e senza una vera comunità che valori vuoi praticare e tramandare? E come riorganizzare una comunità in città di milioni di formiche impazzite che corrono, corrono, ma alla fine girano in tondo e non arrivano mai?

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 3.0/5 (1 vote cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  3. Morias Enkomion ha detto:

    La decadenza o perdita dei valori, cemento di una societa’, e’ un problema non soltanto nostro. Anche nell’Antica Roma era sentito. Non dimentichiamo che, come ogni essere vivente, anche le civilta’ nascono, crescono e muoiono. La nostra e’ putrida e marcescente…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 3.5/5 (2 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: +2 (from 2 votes)
    • Guglielmo l'Eclettico ha detto:

      Ma dal concime nascono i nuovi germogli, sta a noi decidere se vivere nell’era di una civiltà all’ultima agonia o in quella di una civiltà ai primi vagiti.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License