3.a.11 – Esistono valori globali?

Letto 2087 volte.
11 Giugno 2009 — Riccardo Sabellotti - Giacinto Sabellotti

globalizzazioneEsistono valori globali?

Avendo esaminato il valore della vita dell’uomo e le sue relazioni con il contesto sociale, risulta opportuno soffermarsi anche sul contesto ambientale. Si tratta di un valore assolutamente nuovo in quanto l’ambiente in passato non aveva mai avuto bisogno di particolari tutele e appariva come una cornice eterna e inattaccabile, al di fuori della nostra influenza; nessuno ha mai dubitato dell’importanza dell’ambiente, ma non poteva essere visto come un bene da gestire.
Oggi la situazione è ben diversa, sappiamo che la nostra vita ha avuto origine e dipende dall’ambiente naturale, che ogni danno all’ambiente si ripercuote inevitabilmente sul nostro benessere. Nell’ultimo secolo i danni arrecati ai vari ecosistemi del pianeta sono stati di tale portata da rendere urgente un cambiamento culturale che inserisca l’ambiente naturale fra i valori fondamentali da proteggere. Tale processo è già in atto, ma non si sta sviluppando con la necessaria velocità che la gravità della situazione imporrebbe.
Si tratta inoltre di un valore da proteggere necessariamente attraverso una collaborazione internazionale e ciò complica ulteriormente le cose perché una simile alleanza politica non è mai esistita; è altrettanto vero che una simile alleanza è sempre più necessaria per affrontare problemi globali quali la gestione dell’economia, la sovrappopolazione e tutti i problemi legati all’umanità nel suo insieme. Il recente avvento dei problemi globali, cioè quelli che ci interessano tutti, fa paradossalmente acquistare un nuovo valore all’umanità nel suo complesso in quanto risorsa indispensabile per la soluzione dei suddetti problemi.
Esaminando il ruolo dell’ambiente e dell’umanità nella nostra vita, abbiamo compreso come l’intero fiume della vita, anche nei suoi rivoli più distanti da noi, sia un valore da proteggere.

Sulla cresta dell'onda

APPROFONDIMENTI
 libro3   AMBIENTE

PALCO D’ONORE
    LESTER RUSSEL BROWN   stella3
                                     

CONCETTI IN PILLOLE                                                                            
pillola   n. 22 –  I VALORI GLOBALI
                                                            I Valori Globali                         

lampadina   COME REGISTRARSI?

iperindice  IPERINDICE      

 

< precedente                                   successivo >

ccl

 

8 Commenti per “3.a.11 – Esistono valori globali?”

  1. Gerulfo delle Milizie ha detto:

    Un ringraziamento particolare a Lester Brown che ha pubblicato il suo ultimo libro Plan B 3.0 gratuitamente su internet dimostrando a tutti le nuove possibilità di divulgazione culturale nell’interesse comune.

    • Morias Enkomion ha detto:

      Ho appena scaricato il libro, lo leggero’ con piacere e commentero’. Certo che il primo commento di Bill Clinton mi puzza di lobby fintoambientalista, cioe’ tutte quelle organizzazioni, finanziate dagli inquinatori, che hanno come unico obiettivo instradare il dissenso ed avere i nomi dei dissenzienti. Ovviamente poi qualche operazione di facciata viene fatta, ci mancherebbe…

  2. Leonardo il Grosso ha detto:

    Pretendere di diffondere la cultura del valore globale dell’umanità ad un’umanità che non perde occasione per azzuffarsi ad ogni banale assemblea di condominio o ad ogni stupido incrocio stradale, mi sembra un pò azzardato…

    • Morias Enkomion ha detto:

      Hai ragione ma e’ la casta che ci controlla che ci vuole cosi’ per controllarci: divide et impera.

      Cio’ di cui abbiamo bisogno e’ una rivoluzione culturale unica nella storia’ dell’umanita’, che ci porti a capire che il nemico non e’ chi ci vive accanto ma colui che non si vede. Una rivoluzione che porti con se’ il rispetto della diversita’, che e’ arricchimento non minaccia.

  3. Morias Enkomion ha detto:

    E qui veniamo all’essenza del diritto internazionale, che altro non e’ che il diritto del piu’ forte e non esistono sanzioni che tengano. Se gli USA decidono di far qualcosa la fanno, e per strada trovano anche gli alleati pronti a seguirli sempre pur di avere le briciole. Ma stiamo attenti: quando si parla di USA non si parla del popolo e nemmeno della Casa Bianca. Si parla delle lobby che stanno dietro al Presidente e al Parlamento: banche, societa’ petrolifere, del tabacco, delle armi, del farmaco, dell’alcol, giusto per citare le piu’ forti, il cui unico interesse e’ vendere e renderci schiavi dei loro inutili prodotti e cosi’ schiavi del sistema.

  4. Nazarina da Fiastrone ha detto:

    Un problema mondiale sempre più grave è quello del riscaldamento globale, per chi vuole approfondire
    http://it.wikipedia.org/wiki/Riscaldamento_globale
    Il movimento delle Transition Towns sta cercando di contrastare tale fenomeno rendendo le comunità meno dipendenti dai consumi che producono emissioni nocive in questo senso, peraltro nella consapevolezza di aver superato il picco del petrolio, cioè il punto di massimo sfruttamento dei giacimenti petroliferi che porterà inevitabilmente, anche se gradualmente, a una contrazione di tali consumi.

RSS feed for comments on this post.

Scrivi un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Il progetto Ofelon usa la licenza Creative Commons
Creative Commons License